Anomalie in fase di accesso per didUP Smart per Android – come cancellare Dati e Cache dell’App

Anomalie in fase di accesso per didUP Smart per Android – come cancellare Dati e Cache dell’App

Alcuni utenti hanno riscontrato anomalie all’accesso in didUP Smart, dovute ad una presunta mancanza di connessione del dispositivo.

Ecco come risolvere:

1) Accertarsi di aver installato l’ultima versione pubblicata nello store


2) Nel menu “Impostazioni” selezionare la voce “Applicazioni”.

3) Tra le applicazioni disponibili selezionare Didup Smart.

4) Cliccare sull’opzione “Arresto forzato” o “Termina”.

5) Clicca sulla voce Memoria Archiviazione

6) Cliccare sull’opzione “Svuota cache” e Cliccare sull’opzione “Cancella Dati” (nella stessa schermata)

7) Ricontrollare il comportamento dell’applicazione didUP Smart.

Se l’anomalia persiste eseguire nuovamente i passaggi effettuati, disinstallare l’app e installarla nuovamente.

didUP 4.11.0

didUP 4.11.0

Nuovo Menu Comunicazioni 

Il nuovissimo menu Comunicazioni di didUP integra le funzionalità prima disponibili su ScuolaNext in merito alle seguenti funzioni: 

• Ricevimento Docenti/genitori 

• La voce Eventi Google Meet (N.B: E’ visibile al docente, solo se abilitata tramite una apposita opzione lato Dirigente.  

• Docenti per classe, Eletti Consigli di Classe e di Istituto. 

Ricevimento Docenti/Genitori 

La nuova funzionalità è disponibile sotto il menu Comunicazioni | Ricevimento docente e consente la gestione completa  dei ricevimenti con i genitori.  

All’accesso viene mostrata la lista delle disponibilità già presenti ed è possibile inserire/modificare / cancellare una  disponibilità già creata.  

In alto, Il Filtro dat, agisce sia sull’elenco delle disponibilità del docente che sull’elenco delle prenotazioni già effettuate, a cui si accede tramite pulsante (vedi apposito paragrafo). 

Con è possibile immettere una disponibilità “una tantum” (ricevimento Singolo) ad una specifica data,  oppure una disponibilità ricorrente periodica (per uno o più giorni della settimana).  

Ricevimento Singolo 

In caso di creazione di una disponibilità singola occorre per prima cosa scegliere la data e l’ora di inizio e fine della  disponibilità al ricevimento. Quindi occorre immettere un giorno (ora compresa) di apertura e di uno di chiusura delle  prenotazioni.  

E’ possibile scegliere se creare una sola disponibilità complessiva con un numero massimo di prenotazioni, o, in  alternativa, gestire automaticamente delle disponibilità multiple di durata predefinita.  

I campi di input Luogo e Annotazione, non obbligatori, saranno sempre mostrati alle famiglie. 

L’opzione PUBBLICA lascia capacità decisionale al docente (su ogni colloquio) di mostrare o meno la propria e-mail alle  famiglie, sia in fase di prenotazione che in caso di annullamento della prenotazione. Questa opzione non pregiudica in nessun caso l’eventuale invio di comunicazioni della famiglia ad docente, ad es. in caso di annullamento della  prenotazione.  

Il docente può disattivare la singola disponibilità in qualunque momento, in caso di prenotazioni attive, un avviso gli  ricorderà di inviare una e-mail ai genitori.  

L’indirizzo e-mail qui proposto è quello presente sulla gestione utenti del Portale Argo, cioè lo stesso indirizzo e-mail  utilizzato in caso di recupero password. E’ possibile mettere un altro indirizzo, se si desidera. 

Disponibilità con un numero massimo di colloqui prenotabili 

Il programma crea una sola disponibilità sfruttando tutta la fascia oraria e quindi consente prenotazioni fino al  raggiungimento del numero massimo di genitori, previsto dal docente. In questo caso il genitore, sa che il colloquio inizia ad una certa ora e riceve un ticket numerico che rappresenta il suo ordine teorico di ingresso.  

Disponibilità durata predefinita (in minuti ciascuna) 

Questa opzione crea le disponibilità sulla base dei minuti di colloquio indicati dal docente (default: 10 minuti, max:  durata dell’intera disponibilità).  

Se ad es. il docente Rossi è disponibile tutti i mercoledì e i venerdì dal 13 al 20 Marzo, dalle 10:00 alle 11:00 e vuole  frazionare questo tempo in colloqui di 10 minuti, considerando che l’intervallo dell’esempio è 1 ora, saranno generate 6  disponibilità per ogni giorno utile, di 10 minuti ciascuna.  

Modifica disponibilità colloquio 

Con il pulsante , è sempre possibile variare la disponibilità del colloquio (max prenotazioni).  

E’ sempre possibile aumentare il numero max di prenotazioni a piacimento; la riduzione invece, è consentita solo fino al  numero di prenotazioni già effettuate.  

In caso di prenotazioni già attive, inoltre, non si possono variare le date e le ore del colloquio.  

Il docente che volesse variare la disponibilità di un colloquio in termini di date e ora, con prenotazioni già effettuate,  dovrà disattivare il colloquio, e produrne uno nuovo (possibilmente previo avviso via e-mail, ai genitori interessati).  

Il pulsante consente con il salvataggio delle disponibilità. 

Ricevimento Periodico 

L’unica differenza tra l’interfaccia Periodico e l’interfaccia Singolo è quella di poter generare rapidamente delle  disponibilità per alcuni (o tutti i) giorni della settimana, in un certo periodo. 

L’ora di apertura è riferita al primo giorno utile.  

Per quanto concerne la gestione dell’ora delle date di prenotazione, si può parametrizzare il range di giorni precedenti  alla disponibilità, entro il quale effettuare la prenotazione. 

In questo es. si potrà prenotare dalle 08:30 del 2° giorno precedente la disponibilità, fino alle 23:59 del giorno  precedente. 

Tutte le altre funzioni sono simili a quelle della interfaccia Ricevimento Singolo.  

Elenco prenotazioni 

Il pulsante consente visualizzare l’elenco dei genitori che hanno già prenotato il ricevimento.  I genitori che hanno annullato la prenotazione vengono visualizzati sbarrati. 

Invio E-mail/ Comunica Disdetta 

Utilizzando i pulsanti è anche possibile selezionare i genitori per l’invio di eventuali e-mail di comunicazione generica o per la disdetta di una o più prenotazioni.  

In caso di comunicazione della disdetta, il sistema fornisce un testo predefinito che il docente può comunque modificare  a proprio piacimento. 

Tramite il pulsante è invece possibile stampare un prospetto dei ricevimenti selezionati con i  nominativi dei genitori, l’email e il telefono cellulare.  

Docenti per classe 

Da Comunicazioni | Docenti per classe, è ora possibile visualizzare i docenti che insegnano nelle classi di propria  pertinenza. I nominativi, vengono elencati in ordine alfabetico e in corrispondenza di ciascun docente vengono mostrate  le materie insegnate.  

Eletti consigli di Classe 

Da Comunicazioni | Eleletti consigli di Classe, è possibile visualizzare gli eletti del consiglio di classe della scuola (i docenti vedono solo le classi di propria pertinenza). Gli eletti del consiglio di classe vengono elencati con indicazione del tipo di  componente (alunno o genitore) e di altri dati accessori. 

Eletti consiglio di Istituto 

Tramite questo pulsante è possibile visualizzare gli eletti del consiglio di Istituto. Gli eletti, per istituto, vengono elencati  sulla parte destra in ordine alfabetico. 

Nuova valutazione Scuola Primaria

Nuova valutazione Scuola Primaria

A seguito delle modifiche introdotte dall’OM 172/2020 nella scuola Primaria, Argo Software ha organizzato un webinar formativo per approfondire le novità introdotte.

Il corso, rivolto alle segreterie scolastiche, ai docenti referenti e/o ai coordinatori di classe, ha previsto:

 

  • Breve introduzione normativa
  • Importazione obiettivi proposti da Argo
  • Personalizzazione obiettivi e livelli/definizione di livello
  • Ev. Associazione materie alle disciplina studiate nella scuola
  • Caricamento livelli, definizione di livello, giudizi descrittivi per disciplina
  • Caricamento del PEI (art. 4)
  • Domande e Risposte

 

 

 

Articoli più visti

Ultimo Tutorial

Guida per l'utilizzo di didUP

Variazioni alla gestione dei giudizi nella Scuola Primaria: tutto quello che c’è da sapere sull’O.M. 172

Variazioni alla gestione dei giudizi nella Scuola Primaria: tutto quello che c’è da sapere sull’O.M. 172

FAQ 1: Posso gestire un solo obiettivo per materia (Nota Bruschi n.9) utilizzando la gestione dei giudizi e non lo scrutinio?

R: Sì, si può gestire in questo modo:

1) modificare il primo indicatore per ogni materia, solo per il periodo intermedio corrente: ad es. Italiano, primo obiettivo è Ascolto, diventerà “Ascolto lettura Comprensione…”, in sostanza un obiettivo unico.

2a) Eliminare gli obiettivi in eccesso:

    prima si devono cancellare i livelli di apprendimento riferiti a gli obiettivi in più, da Tabelle | Per Giudizi | Frasi;

    infine, occorrerà  eliminare l’obiettivo da Tabelle | Per giudizi | Indicatori.

2b) In alternativa, è possibile lasciare inseriti gli obiettivi in eccesso e durante la fare di immissione dei livelli, valorizzare solo l’obiettivo 1.

3) In fase di stampa il programma riporterà SOLO gli obiettivi a cui è stato assegnato un livello di apprendimento.

Questa soluzione consente di stampare un documento di valutazione omogeneo, sia per il periodo intermedio che per lo scrutinio finale.

FAQ 2: Si può rendere tabellare il campo  definizione del livello?

R: Sì, è possibile gestire i livelli di apprendimento, declinati con definizioni fisse standard.

E’ possibile editare la tabella FRASI (istruzioni a pag. 2 della guida n.25 di Alunni Web) in maniera tale da inserire, dopo livello di apprendimento, una parte “fissa” che contiene la sua definizione di livello (700 caratteri)

In questo caso, la definizione di livello sarà integrata nella livello stesso, e non sarà necessario digitarla di volta in volta.

NOTA BENE: L’OM 172 suggerisce l’opportunità di declinare la definizione del livello sui singoli alunni e sulla specifica disciplina per cui questa soluzione, sebbene praticabile, non è consigliabile.

FAQ 3: I verbali per lo scrutinio intermedio sono stati aggiornati?

R: Sì, ma se sono stati già personalizzati dalla scuola, la scuola dovrà personalizzarli autonomamente.

I modelli di verbale intermedio standard contengono delle variabili per il riporto degli alunni senza insufficienze allo scrutinio finale e con alcune lacune, che riferendosi allo scrutinio dei voti, non funzioneranno bene.

Si dovranno quindi cancellare le due variabili [[XALUNNI_P]] e [[XALUNNI_N]].

I modelli standard Argo sono stati già aggiornati, ma nella maggioranza dei casi, i verbali sono stati già personalizzati dalle scuole e non andranno modificati manualmente.

FAQ 4: Come gestire gli obiettivi per gli alunni con disabilità (art. 4 OM 172).

R: utilizzare unicamente il campo Giudizio Descrittivo per Disciplina

Non valorizzare gli obiettivi standard. Gli obiettivi del PEI e le relative valutazioni, potranno essere scritti direttamente nel campo Giudizio Descrittivo per Disciplina.

FAQ 5: Immettendo gli indicatori del PEI nel giudizio descrittivo per disciplina, poi in stampa mi crea un giudizio discorsivo non facilmente leggibile e scritto tutto di seguito.

R: Innanzitutto, consigliamo di strutturare quanto più schematicamente possibile il PEI nel riquadro del giudizio descrittivo per materia, utilizzando il rimando a capo.

Ad es. così:

AREA COGNITIVA E NEUROPSICOLOGICA

* Capacità mnesiche:
1) Memoria e breve e medio termine: AVANZATO. (ev. definizione del livello)
2) Tipo e uso delle capacità mnesiche: AVANZATO. (ev. definizione del livello)

* Capacità Attentive:
1) Grado di attenzione e concentrazione nelle attività curricolari e non: AVANZATO. (ev. definizione del livello)

…………

 In fase di stampa, sarà importante optare per il pagellino o la scheda individuale NON formato HTML ma in formato ODT, in questo modo non si avranno  problemi con i caratteri accentati e nessun problema con i rimandi a capo.

ad es. si avrà questo risultato:

FAQ 6: Sono l’insegnante di sostegno, perché non posso caricare i giudizi per gli alunni che seguo?

R: Il SOSTEGNO, è materia non scrutinabile, ovvero non compresa nel piano di studi della Primaria, quindi l’insegnante dovrebbe formulare il PEI per l’alunno H, e fornirlo all’insegnante di base della materia ufficiale perché lo inserisca nel giudizio descrittivo per disciplina.

Alternativamente, all’insegnate di sostegno potrà assere assegnata anche la materia ufficiale es. ITALIANO, in questo potrà gestirsi autonomamente l’immissione del giudizio; questa scelta tuttavia consente al docente di agire potenzialmente anche sulle valutazioni degli alunni senza disabilità.

FAQ 7: Possiamo consentire a dei referenti di personalizzarsi gli obiettivi per livello scolastico?

R: Volendo, è possibile assegnare a dei docenti referenti, l’accesso ad Alunni Web (con l’opzione Gestione Tabelle / Parametrizzazioni)

In questo modo i referenti potranno agire in Tabelle | Per giudizi | Indicatori sui singoli riquadri OB1 –> OB5 in maniera completamente autonoma rispetto alla segreteria.

NOTA BENE: Con questa opzione, si da l’accesso a questi referenti anche a tutta la gestione di parametrizzazione di delle tabelle di Alunni Web.

FAQ 8: Gli obiettivi che non si valorizzano, vengono poi riportati vuoti nel documenti di valutazione?

R: NO, gli obiettivi non valorizzati non saranno riportati nel documento di valutazione. Stessa regola vale per il giudizio descrittivo per disciplina.

didUP 4.10.0

didUP 4.10.0

Variazioni alla gestione dei Giudizi per la scuola Primaria (OM 4  Dicembre 2020, n. 172) 

Premessa 

Come è noto, con l’OM 172 del 4 Dicembre 2020 , il Ministero dell’istruzione, di fatto, rivoluziona il metodo di  valutazione degli scrutini nella scuola Primaria. 

L’art. 3 comma 1 dell’Ordinanza, così recita: 

“A decorrere dall’anno scolastico 2020/2021 la valutazione periodica e finale degli apprendimenti è espressa, per  ciascuna delle discipline di studio previste dalle Indicazioni Nazionali, ivi compreso l’insegnamento trasversale di  educazione civica di cui alla legge 20 agosto 2019, n. 92, attraverso un giudizio descrittivo riportato nel documento di  valutazione, nella prospettiva formativa della valutazione e della valorizzazione del miglioramento degli apprendimenti.” 

In estrema sintesi, si passa da un metodo di valutazione con voti numerici (un voto per ogni materia), ad un sistema di  valutazione con giudizi descrittivi legati a specifici obiettivi di apprendimento, definiti nel curricolo dell’istituto (art 3,  comma 4 e 5 dell’OM), e di numero variabile, e per ogni materia. 

I giudizi descrittivi, sono correlati a quattro livelli di apprendimento: AVANZATO, INTERMEDIO, BASE, IN VIA DI  PRIMA ACQUISIZIONE, in coerenza con quelli adottati nella Certificazione delle Competenze.  

La valutazione in itinere (valutazione giornaliera) del registro, resta espressa nelle forme che il docente, riterrà  opportune (art 3, comma 2 dell’OM).  

Le discipline Religione Cattolica e la Materia Alternativa, restano disciplinate dall’ art 2 commi 3,5,7 del D.Lgs.  62/2017 (art. 3, comma 8 dell’OM). 

Variazioni implementate nella gestione dei quadri 

In ordine alle suddette premesse normative, il sistema di caricamento dei voti come finora gestito, non potrà essere più   utilizzato per l’immissione dei giudizi discorsivi. 

Il caricamento delle giudizi, si effettuerà attraverso la nuova gestione dei giudizi di didUP che è stata appositamente  adattata. 

La “vecchia” gestione dello scrutinio con i voti, rimarrà disponibile unicamente per gli insegnanti di Religione Cattolica e  della Materia Alternativa all’IRC.; queste materie infatti, rimangono disciplinate dal D.Lgs 62/2017.

Tassonomie predefinite Argo per la gestione degli obiettivi di apprendimento 

In tabella quadri, abbiamo reso disponibili un gruppo completo di tassonomie predefinite Argo con obiettivi di apprendimento, già declinati sulla specifica disciplina e sullo specifico anno di corso.  

La possibilità di avere delle tassonomie predefinite fornisce alle scuole un consistente vantaggio funzionale e temporale, poiché consente agli operatori scolastici di avere una struttura d’esempio già completa sulla quale basare le personalizzazioni.  

Tra le tassonomie importabili proposte da Argo ci sono ora cinque nuovi identificativi, denominati OB1, OB2, OB3, OB4 e OB5, che contengono le materie oggetto della valutazione, per i differenti anni di corso e per ognuno dei tre periodi ufficiali (primo/secondo periodo intermedio e Scrutinio Finale). 

Su ogni materia, e in base all’anno di corso, abbiamo reso disponibili degli obiettivi di apprendimento predefiniti (desunti dalle indicazioni del DM 16 Novembre 2020, n. 254); naturalmente, essi potranno essere modificati a piacimento della scuola, sulla base del proprio curricolo d’istituto.  

Per ogni obiettivo abbiamo previsto i quattro livelli di apprendimento standard (art 3, comma 6): AVANZATO, INTERMEDIO, BASE, IN VIA DI PRIMA ACQUISIZIONE. Anche in questo caso, la scuola sarà libera di adottare modifiche sui livelli di apprendimento proposti, creando ad es. vari livelli “INTERMEDI” o “BASE”, oppure declinando i livelli in base alla specifica materia. 

Note sul nuovo Caricamento giudizi  

Dal punto di vista del caricamento dei giudizi, i docenti (se abilitati dalla segreteria), e il coordinatore di classe potranno immettere i livelli di apprendimento conseguiti, oltre a una eventuale annotazione (definizione del livello) su ogni singolo obiettivo, per singolo alunno e per le proprie materie d’insegnamento. Inoltre si potrà gestire in itinere un giudizio descrittivo articolato per materia (consultare l’apposito paragrafo, per maggiori dettagli). 

Modifiche sui documenti di valutazione 

A causa della variabilità del numero degli obiettivi e del contenuto delle valutazioni per ogni materia, non saranno più  adottabili le stampe su PDF personalizzato (che impongono spazi predefiniti per ogni materia). 

Abbiamo quindi predisposto nuovi documenti personalizzabili (HTML e ODT) predefiniti Argo e nuove nuove variabili che consentiranno di compilare ogni documento, sulla base dei dati da riportare. 

Si rimanda la lettura del leggimi delle variazioni di Alunni Web per maggiori dettagli. 

Nuova gestione Giudizi per la scuola Primaria 

Per la scuola Primaria, ed unicamente per i nuovi riquadri OB1, OB2, OB3, OB4, OB5, la procedura di immissione dei  giudizi è stata modificata (adeguata all’OM 172/2020) con l’aggiunta di due nuove funzionalità, appresso descritte. 

Abilitazione dei docenti al caricamento dei giudizi per le proprie materie. 

I docenti (non coordinatori) devono essere abilitati dalla segreteria scolastica per il caricamento dei giudizi delle proprie  materie, con una semplice procedura di abbinamento dei quadri alle materie della scuola.

Se questo abbinamento non è stato effettuato dalla segreteria, quando si sceglierà la classe, comparirà un messaggio di  avviso bloccante: 

La procedura di abbinamento suddetta è stata descritta dettagliatamente nel leggimi di agg.to di Alunni Web. 

Inserimento in itinere della Definizione del Livello 

Abbiamo previsto la possibilità di inserire, all’atto del caricamento dei giudizi, una annotazione libera (specifica per ogni alunno, e per ogni obiettivo) per la definizione del livello di apprendimento; essa potrà essere declinata a piacimento dal docente, sullo specifico alunno e sulla materia in questione.  

Valorizzando la definizione del livello, Il risultato di stampa sarà simile all’esempio A2, allegato alle Linee Guida dell’OM 172.

Inserimento in itinere di un Giudizio Descrittivo, per disciplina 

Abbiamo previsto anche la possibilità di inserire, sempre in itinere, anche un GIUDIZIO DESCRITTIVO articolato, che riguarderà la materia (e non i singoli obiettivi);  

Se si valorizza questo elemento, in fase di stampa, otterremo un risultato conforme all’esempio A3, allegato alle Linee Guida dell’OM 172. 

 

Queste due opzioni valutative, potranno essere adottate anche insieme, e liberamente dai docenti della scuola; il programma riporterà sia la definizione del livello, sia il giudizio descrittivo per la materia (dove valorizzati) nel documento di valutazione. 

NOTA BENE: La scuola può anche limitarsi ad indicare l’obiettivo ed il livello di apprendimento (intermedio, base…), in questo caso in fase di stampa sarà prodotto un prospetto simile all’esempio A1, dell’allegato alle Linee Guida dell’OM 172. 

Caricamento Giudizi per la Religione Cattolica e la Materia Alternata  all’IRC. 

L’art. 3 comma 8 del OM 172, chiarisce che le valutazioni di religione cattolica e materia alternativa, seguono le  indicazioni previste dal D.Lgs 62/2017. 

I Docenti di Religione e di Materia Alternativa, dunque, dovranno effettuare lo scrutinio regolarmente, dalla procedura  di Scrutini | Caricamento Voti e non dal Caricamento Giudizi.

Gestione esito allo Scrutinio Finale 

La gestione degli esiti dello scrutinio finale, sarà sempre gestita dalla procedura di Caricamento Voti es Esiti, il  coordinatore di classe potrà utilizzare preferibilmente la procedura di inserimento rapido del risultato.